Workout Pasubio

Come scegliere televisione HD

Come scegliere un televisore HD

Ecco una breve guida su come scegliere la TV HD e guardare i propri programmi televisivi preferiti e fare videochiamate.

Il televisore non è il più semplice degli elettrodomestici da scegliere per la propria casa.

In molti, quando si trovano nella situazione di dover compiere questo acquisto, finiscono con lo scoprire che quello delle tv è un mercato molto complesso, con un livello di tecnicismo che a volte può risultare difficile da superare. In questo senso, può essere d’aiuto una veloce guida che evidenzi quali sono le caratteristiche più importanti di un televisore, mettendo in risalto i punti essenziali cui prestare attenzione per scegliere il prodotto migliore.

La tecnologia dello schermo

Plasma, LCD, LED, OLED o Quantum Dot. Sono queste le 5 opzioni quando si vuole acquistare una nuova tv, ma non per tutti è chiaro quale sia quella preferibile.

Iniziamo parlando dalla tecnologia al plasma, molto in voga qualche anno fa ma ormai divenuta estremamente rara da trovare nei negozi, questo a causa di alcuni problemi tecnici che comportava, come il ghosting o l’esaurimento del liquido contenuto e necessario al suo funzionamento.

Molto più comune al giorno d’oggi sono senza dubbio i televisori con tecnologie LCD e LED. Nonostante il nome possa ingannare, entrambe queste tipologie di apparecchi funzionano con una tecnologia LCD; la vera differenza sta nella retroilluminazione. Nel caso dei televisori LCD, questa utilizza lampade a fluorescenza, mentre nel secondo caso impiega dei LED, per garantire un minor consumo energetico. Lo stesso discorso si potrebbe fare per i Quantum Dot, essendo a loro volta dei televisori LCD che utilizzano un sistema di retroilluminazione ancora diverso, basato su dei cristalli illuminati con un raggio di luce blu. Questa particolare illuminazione permette al televisore di raggiungere un assortimento di colori ben più ricco dei fratelli della gamma LCD.

In ultimo restano gli OLED, tecnologia più moderna fra quelle disponibili e che si differenzia per il fatto che ogni pixel a schermo è in grado di emettere luce autonomamente. Questo non solo abbatte il consumo energetico, ma offre una distrubuzione della luce molto più armoniosa e un’immagine con colori più veri di come potrebbero essere su qualsiasi altro dispositivo. Ovviamente, c’è da tenere presente che questi ultimi hanno ancora dei costi estremamente elevati che possono facilmente risultare, proibitivi.

HD, HD Ready e Full HD

Quando si parla di qualità dell’immagine, la prima cosa che viene in mente è la sigla HD. Il problema, però, è che questo termine è stato rimaneggiato in diversi modi per promuovere prodotti tecnicamente molto diversi fra loro e si rischia di restare impantanati. La prima cosa da tenere a mente è quelkla di evitare a ogni costo le tv HD Ready. Questo per una ragione molto semplice: questi televisori hanno una risoluzione pari a 1280×720 pixel, che non permette di sfruttare a pieno l’alta definizione. Inoltre, con una tv HD Ready, non è garantito di riuscire a ricevere il segnale via antenna da canali in alta definizione, mentre è garantita la comunicazione dell’immagine in HD via HDMI. Acquistando, invece, una tv Full HD, che ha una risoluzione di 1920×1080 pixel, si può godere a pieno dell’alta definizione cogliendone tutte le sfumature.

Esiste poi la possibilità di acquistare televisori con tecnologie 4K Ultra HD che, negli ultimi anni, hanno raggiunto prezzi ragionevoli e godono di una risoluzione di 3840×2160 pixel. In questo caso, però, c’è da comprendere prima di tutto quale siano le destinazioni d’uso del televisore e in che ambiente domestico si intende utilizzarlo per capire se potrebbe essere un acquisto oculato. Il 4K, infatti, non è una realtà sulla televisione pubblica. Per poter godere a pieno di contenuti con questo livello qualitativo, quindi, è necessario sfruttare servizi come Netflix o le televisioni satellitari. Anche le moderne console di gaming come PlayStation e Xbox sono in grado si sfruttare il 4K, sia riproducendo alcuni videogiochio che lo supportano che riproducendo Bluray. Bisogna anche tenere presente che, per avere un buon risultato in termini di qualità visiva, un televisore 4K ha bisogno di una certa dimensione. Parliamo di almeno 40 pollici di diagonale, senza i quali probabilmente non ha senso spendere in una tecnologia del genere.

Esiste un’ultima opzione, che è quella dei televisori 8K. Si tratta di una tecnologia esistente già da un po’ di tempo, ma che avrà bisogno ancora di una lunga attesa per riuscire ad affermarsi. Per ora, si può dire che questi dispositivi sono in grado, grazie all’utilizzo di elaborati algoritmi e intelligenze artificiali dedicate, di convertire in 8K e quindi migliorare i segnali prodotti in risoluzione Full HD o in 4K Ultra HD. Si tratta di una tecnologia tutto sommato giovane, che ha ancora ricevuto poco riscontro sia da parte del mondo della creazione di contenuti (che si affanna ancora per completare una transizione lunghissima verso HD e 4K) sia da parte del mondo dei produttori dei televisori stessi, che ancora non vedono una buona opportunità di mercato. Il risultato è che questi televisori risultano essere molto costosi, con una povera gamma di opzioni e tutto sommato nemmeno troppo utili per quello che è l’universo contenutistico attualmente esistente.

Dove acquistare il televisore HD

Le opzioni più classiche su dove acquistare un televisore di questo tipo si rifanno ai negozi fisici, soprattutto in centri commerciali e negozi specializzati. L’acquisto offline in un negozio fisico è indicato sia per il fatto che si può vedere di persona il prodotto, sia per la possibilità di calcolare la rata del prestito in poco tempo nel caso si scegliesse un finanziamento.

Tuttavia, a fronte di questi vantaggi, bisogna sempre tener presente che la disponibilità può rivelarsi limitata, oltre che i prezzi possobno in alcuni casi essere superiori online. Il suggerimento, è quello di integrare sempre con una ricerca online: in questo modo si avrà un’idea più realistica dei prezzi e, soprattutto, si avrà accesso a una gamma più vasta di modelli, senza essere costretti a escludere delle opzioni per la disponibilità di un negozio. Oltre al classico Amazon, siti come ePrice possono darci un’idea dei prezzi di mercato e di eventuali offerte per fare una scelta mirata e il più possibile rispondente alle proprie esigenze.

Altre caratteristiche importanti del televisore HD

Ovviamente, anche se in questa sede l’interesse principale era quello di esplorare il mondo delle risoluzioni, un televisore ha diverse caratteristiche che, in alcuni casi, sono diventati addirittura degli standard di mercato. Si pensi per esempio alle smart tv: oggi, quasi tutte le televisioni integrano un sistema operativo, applicazioni e la possibilità di connettersi a internet.

Alcuni televisori sono curvi, oppure offrono importazioni per il 3D, entrambe caratteristiche che non trovano molto riscontro nel mercato e non si sono dimostrate migliorative dell’esperienza di fruizione che offre il prodotto. Altri aspetti da tenere in considerazione sono più pratici: ad esempio le porte di cui la tv dispone, come HDMI, USB e via discorrendo e che la loro quantità sia compatibile con le proprie necessità. Importante tenere presente, se si guarda la televisione via antenna, quali siano gli standard di trasmissione supportati, soprattutto in vista dello switch al DVB-T2, cioè il segnale digitale di seconda generazione.

Infine, riguardo alla qualità dell’immagine, è bene tenere presente anche la sigla HDR, presa in prestito dal mondo della fotografia e che identifica una tecnologia in grado di arci vedere tutte quelle sfumature di luci, ombre e colori che normalmente non riusciamo a vedere, così l’immagine su schermo risulta più realistica. Attualmente è supportata solo da alcuni TV top di gamma, quindi potrebbe far salire il prezzo, ma offrire un cambio un risultato senza dubbio eccezionale.

In risalto

Gli articoli più recenti

Come chiedere un rimborso a TNT

TNT è una delle società di spedizione più usate in Italia e può capitare che alle volte succedano dei disguidi per i quali i clienti